Al Caffè letterario S. Quadimodo (Modica) incontro con Salvo Micciché, tra poesia e storia

Incontro con l’autore al Caffè Quasimodo di Modica: Salvo Micciché,  tra poesia e storia, al centro del IV “sabato letterario” del 23 novembre 

Modica, 16 novembre 2019 – Poesia e storia saranno al centro del IV sabato letterario del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà il prossimo 23 novembre alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura, nel quadro della Stagione culturale 2019-2020 del circolo culturale modicano.

La serata, che sarà coordinata da Silvana Blandino, sarà dedicata ad alcune opere di Salvo Micciché, scrittore, saggista, poeta e operatore culturale nonché animatore dell’Associazione Culturale Cenobio dell’Arte; ad introdurre l’autore sarà  Domenico Pisana, Presidente del Caffè Quasimodo, mentre Marco Iannizzotto, poeta, e Giuseppe Nativo, giornalista-scrittore, interverranno su alcune pubblicazioni di Micciché, tra le quali “Dall’alba ai girasoli”, “Argu lu cani”, “Zaghiri e Parmi”, “Scicli. Storia, cultura e religione (sec.V – XVI)” e “La Sicilia dei Micciché. Baroni e briganti, intellettuali e popolo”. 

Brani tratti dai vari libri saranno letti da Giovanna Drago e Giovanni Blundetto della Compagnia “I Caturru” di Scicli; Vittorio Scorsonelli arricchirà la serata con intermezzi musicali al pianoforte.  

 «Salvo Micciché – afferma Domenico Pisana – è un autore versatile che alterna alle sue esperienze  poetiche studi storici e  sulla grammatica e il glossario siciliano; particolare attenzione ha rivolto alla sua città, Scicli, con il suo ‘Onomastica di Scicli’ e il libro ‘Scicli. Storia, cultura e religione’, ove l’autore analizza la storia, la cultura e la religione di Scicli dal Medioevo al Cinquecento commentando le fonti e i reperti relativi alla storia della città, e rivisitando toponomastica, onomastica, culti e storie di uomini e luoghi, cristiani ed ebrei, dal V al XVI secolo, che hanno poi portato alla nascita della città iblea, moderna e barocca, che Vittorini non esitò a definire ‘la più bella del mondo’. Anche nell’ambito della poesia – prosegue Pisana -–Salvo Micciché si fa apprezzare sia per la sua capacità di fare entrare il lettore in quella ‘memoria collettiva’ fatta di ricordi, di sentimenti popolari, di cadute e di fedeltà, di luoghi, paesaggi naturali e nostalgie, sia per quel suo ‘essere nel tempo’ come voce di canto su grandi temi dell’esistenza quali la guerra, la pace e l’immigrazione, con una versificazione che ha, talvolta, il sapore di una dolente meditazione e che tende a preservare e conservare, specie con l’uso del dialetto, un mondo ed una lingua».

Modica: Il Caffè Letterario Quasimodo  programma i suoi ‘Sabati Letterari’ per la XIV Stagione culturale 2019-2020

Tre temi: Macrocosmo letterario (Eneide, Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Sciascia, Quasimodo…),  Autori (Cinzia Romano La Duca, Enzo di Natali, Corrado Di Pietro, Giovanna Alecci, Giuseppe Blandino, Salvo Micciché, Corrado Monaca, Cesare Lorefice, Giuseppe Puma, Federico Guastella), Memoria Storica (Gabriele Perrone). Apertura con Franca Cavallo e il suo ‘A vita è gn’juocu’

Modica, 25 settembre 2019 – In cantiere a Modica gli  appuntamenti culturali del Caffè Letterario “Salvatore Quasimodo”, giunti alla loro XIV edizione. Il calendario della stagione 2019-2020 si snoderà in 16 appuntamenti culturali, i cosiddetti “sabati letterari”, distribuiti da ottobre a maggio, che si svolgeranno nell’Auditorium del Palazzo della Cultura. 

Le tematiche della Stagione si muoveranno, come sempre, su tre versanti: il primo aperto ad un  macrocosmo  letterario con appuntamenti dedicati ai classici come l’Eneide  e ad autori della grande  Letteratura:  Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Sciascia e Quasimodo nel 60 del conferimento del Premio Nobel per la Letteratura.   

Il secondo versante sarà dedicato ad incontri con autori contemporanei siciliani, tra i quali  la poetessa palermitana Cinzia Romano La Duca e lo scrittore agrigentino Enzo Di Natali,  e con gli  autori del siracusano  Corrado Di Pietro, poeta e scrittore,  Giovanna Alecci e Giuseppe Blandino. Tra  gli autori iblei avranno  spazio Salvo Micciché, autore di libri di poesia e di carattere storico;  Corrado Monaca con il suo libro “Giorgio La Pira. Sindaco innovativo”; Cesare Lorefice con la sua silloge poetica “Anche i silenzi”,  Giuseppe Puma con la sua recente raccolta “Amato per amare” e Federico Guastella , autore di libri di saggistica. Ci sarà, come sempre, anche spazio per la musica, l’arte e la pittura.  

Il terzo versante degli appuntamenti sarà, infine,  sulle orme della memoria storica  con incontri finalizzati a operare un recupero di scrittori del nostro territorio ibleo vissuti tra l’800 e il 900”, ed altresì  con la presentazione del  libro “Il diario poetico dell’I.M.I n 103.183”, diario di Pietro Garofalo, soldato nella Seconda Guerra Mondiale,  che è stato curato da Gabriele Perrone.   

In programma anche la organizzazione della XII Edizione del Premio di poesia Quasimodo “La terra impareggiabile”, rivolto agli studenti delle scuole di elementari, medie e superiori della  provincia di Ragusa.

La serata di apertura ufficiale della XIV stagione si terrà a Modica il  12 ottobre, alle ore 17,30, presso il Palazzo della Cultura, e sarà dedicata alla poetessa del Caffè Quasimodo, Franca Cavallo, che presenterà la sua ultima raccolta poetica ‘A vita è gn’juocu sèriu”, con prefazione di Grazia Dormiente. 

“ Anche quest’anno – afferma Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo – stiamo mettendo in cantiere questa XVI stagione culturale, la quale rappresenta la prosecuzione di una testimonianza di impegno civile e culturale a favore del territorio, ove  ci piace fare della cultura una ‘espressione di vita’ che unisce esperienze e identità in un’ottica di inclusione. In questi anni  il Caffè Letterario Quasimodo ha operato con questa filosofia di fondo perché ritiene che la cultura debba connotarsi come ‘spazio di senso’, come  luogo nel quale si possono incrociare esperienze, sentimenti,  riflessioni e idealità in grado di contribuire alla costruzione del tessuto relazionale del nostro tempo”. 

World Festival of Poetry: a Modica 21 poeti, 21 giugno

World Festival poetry: Reading di poeti della Sicilia Orientale alla Biblioteca Comunale di Modica per dire  il loro “No War – Hug Peace” 

Ragusa, 16 giugno 2019 – Il prossimo 21 giugno , dalle ore 17,00 alle 19,30 , presso la Biblioteca Comunale “S.Quasimodo” di Modica si terrà un evento che avverrà in contemporanea in tantissimi  paesi di tutto il mondo, e al quale porteranno il loro saluto il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, e l’assessore alla cultura, Maria Monisteri.  

Si tratta del World Festival poetry, che è  un organismo fondato a Vancouver e ormai rappresentato in 160 nazioni, e  che fonda il suo attivismo poetico sul potere della parola per sancire i diritti umani, reclamare la dignità di ogni nazione e combattere o denunciare le ingiustizie, e per costruire un mondo di pace.

Come slogan di tale manifestazione mondiale è stato scelto   “NO WAR – HUG PEACE”,  che  vuol essere un urlo  pacifista per richiamare l’attenzione della gente e dei governi verso un impegno per la ricerca della pace. Coordinatori dell’iniziativa sono stati nominati Luz Maria Lòpez, direttrice continentale per le Americhe; Hilal Karahan, poetessa turca, con il ruolo di direttore intercontinentale di tutti gli eventi che si svolgeranno in Turchia e nei paesi limitrofi; la poetessa siriana Malak Sahioni, responsabile per le iniziative internazionali del  World Festival poetry; Aminur Rahman, direttore continentale per l’Asia; Nnanne Ntube, direttrice continentale per l’Africa; Fatima Nazzal , direttrice per il Medio Oriente; Claudia Piccinno, poetessa italiana, come  direttrice continentale per l’Europa. 

World Festival poetry organizza quattro eventi all’anno, dove protagonista è la parola. In questa occasione ha scelto  il solstizio d’estate per auspicare un rinnovamento poetico, fatto di piccoli gesti concreti e tanta armonia. 

L’evento di Modica  vedrà un Reading con la partecipazione di 21 poeti, sia dell’Area ragusana (Pippo Di Noto, Giovanni Occhipinti, Salvo Micciché, Marinella Tumino, Giovanna Drago, Raffaele Puccio, Giovanna Vindigni, Silvana Blandino, Franca Cavallo, Gianni Di Giorgio, Carmelo Di Stefano, Antonella Monaca, Elia Scionti, Grazia Dormiente, Salvatore Paolino e  Lucia Trombadore) e dell’Area siracusana (Giovanna Alecci, Corrado Di Pietro, Giuseppe Blandino, Ignazia Iemmolo).  

Lo svolgimento del Reading consisterà in una lettura di testi da parte dei poeti partecipanti, intervallati da brani musicali e vocali a cura del “Duo Estrella” , composto dal  M° Lino Gatto, alla chitarra, e Ilde Poidomani, voce.

Leggi tutto su Ondaiblea.

Qui la scheda dell’evento.