Salvo Micciché

Salvo Micciché, poeta, saggista e storico, è nato il 29 maggio 1964 a Scicli e vive a Ragusa.
Si occupa principalmente di filologia classica e semitica e con particolare riguardo alla alla lingua siciliana e al greco classico, di papirologia, paleologia, codicologia ed epigrafia, di studi medievali e di archeologia.

Ha fondato l’Associazione Cenobio dell’Arte e organizzato e promosso le 10 edizioni di DiversiVersi. Ha ideato il sito web dei Poeti del Cenobio.

Tra gli altri saggi che ha scritto in libri, riviste e giornali, si segnalano i seguenti:

  • Nel 1991 ha scritto Onomastica di Scicli, Edizioni Il Giornale di Scicli, uno studio sulla semantica dei cognomi tipici di Scicli e del territorio ibleo, con appendice araldica (e riproduzione di alcuni stemmi nobiliari), introduzione di Franco Causarano, nota bibliografica di Giuseppe Pitrolo
  • Nel 1997 ha curato l’edizione di AA.VV, Albo d’Oro di DiversiVersi (Associazione Cenobio dell’Arte), ora esaurito.
  • Nel 2016 ha scritto Argu lu cani, Cunti, stori e puisia in lingua siciliana (Biancavela – Streetlib), con la prefazione di Giuseppe Nativo e l’introduzione di Pippo Di Noto.
    Sinossi: «Argu lu cani, come il cane di Ulisse, visse vent’anni. A lui (e al “Liggituri”) il poeta, il Pensatore, narra le sue storie, i suoi “cunti”, i suoi versi, e il cane lo ispira a tirarli fuori dalla memoria, ricordandogli l’Iliade e l’Odissea, la Bibbia, l’Apocalisse e tutti i libri letti. Ne nascono nenie, filastrocche e litanie, “limate” dal poeta in rime siciliane, con una particolare attenzione al “paleologismo”, ad arcaismi tipici che si prestano a giochi linguistici che possono (e debbono) far pensare il Lettore… La traduzione in italiano e un glossario dei termini siciliani arricchiscono il racconto per chi vuole approfondire.»
  • Nel 2016 ha scritto Zàghiri e Parmi, Omaggio al Siciliano (Biancavela – Streetlib): poesia, grammatica, glossario, con la prefazione di Giuseppe Nativo e l’introduzione di Giuseppe Pitrolo.
    Sinossi: «L’Autore dedica “ai Siciliani onesti” un «Omaggio al Siciliano» che origina dalla silloge poetica Argu lu cani, con l’aggiunta di altre poesie, alcune pagine su “Detti siciliani”, un compendio di grammatica siciliana, un glossario ampliato, una bibliografia e un apparato di note per chi vuole approfondirne lo studio.
    Nella “Pitrudda ccu tri punti” (la Sicilia) Dio pone, come l’Eden, un giardino di “Zàghiri e parmi” in cui nasce la Puisia e il poeta –che raccontava ad Argu cunti e stori– ora prosegue raccontando in versi i profumi e le sensazioni dell’Isola e insegnando i fondamenti di una lingua divina, poetica, magica, pluriforme: il Siciliano.»
  • Nel 2016, con Marco Iannizzotto, ha pubblicato anche Dall`Alba ai girasoli, (Biancavela – Streetlib), prefazione di Marinella Tumino, un libro di poesia “a quattro mani”, vent`anni di amicizia in versi tra un avvocato e un informatico.
  • Nel 2017 ha pubblicato Scicli: onomastica e toponomastica (Biancavela – Il Giornale di Scicli), l’evoluzione di “Onomastica di Scicli”, che comprende ora 1100 cognomi e oltre 200 toponimi, oltre a note di storia e archeologia di Scicli.
    Prefazione di Giuseppe Pitrolo, postfazione di Giuseppe Nativo. Alla grafica dell’Appendice araldica hanno collaborato gli alunni dell’Istituto Dantoni di Scicli, coordinati dal prof. Carmelo Errera
    Nel libro sono contributi di Pietro MilitelloPaolo MilitelloPaolo NifosìIgnazio La ChinaStefania Fornaro.
  • Nel luglio 2018, con Stefania Fornaro, ha pubblicato Scicli – storia, cultura e religione (secc. V-XVI), nella collana Studi storici di Carocci editore: una guida completa per lo studioso e il lettore che intendono approfondire lo studio della storia medievale di Scicli (dal V al XVI secolo, Medioevo e “post Medioevo” prima dell’exploit “barocco” della città che per Elio Vittorini è la più bella del mondo).
    Prefazione di Giuseppe Pitrolo (critico letterario).
    Contributi di Stefania Santangelo (numismatica CNR), Ignazio La China (sacerdote e storico), Giuseppe Nativo (giornalista e storico).
  • Nel novembre 2019,  con Giuseppe Nativo ha pubblicato La Sicilia dei Micciché, nella collana studi storici di Carocci Editore: una lettura della storia della Sicilia vista attraverso le vicende di un luogo (il feudo di Miḥikân) e una famiglia, con microstorie di personaggi e famiglie di Scicli, Villalba, Palermo, Caltanissetta, Naro, Messina e altre città siciliane.
    Prefazione di Carlo Ruta (storico del Mediterraneo), postfazione di Leonardo Lodato (redattore La Sicilia), con un saggio di Paolo Nifosì (storico dell’arte).
  • Nel luglio del 2020 ha scritto la Postfazione del volume Sikelia 2. La Sicilia dei Bizantini, i Bizantini di Sicilia, di Susanna Valpreda, Lithos (con Prefazione di Santino Alessandro Cugno).

È membro di alcuni importanti sodalizi, tra cui:

Alcune recensioni dei suoi libri

Intervista all’autore su Recensionedilibri.org (2019)

Intervista all’autore su Letture.org (2019)

Rosetta Savelli su 4live.it (2016)

Giuseppe Nativo su perlaSicilia (2016)

Eco degli Iblei (2016)

Insieme Ragusa (2017)

Giuseppe Nativo su La Sicilia La Sicilia (2018)

Giuseppe Nativo su Dialogo (2018)

Franco Causarano su Il Giornale di Scicli (2018)

Stefano Mammini su Medioevo (2019)

Ladra di Libri (2019)

G. Nativo e Concetta Ferma su Dialogo (2019)

Il Giornale di Scicli (2019)

RadioRTM (2019)

La Sicilia Redazione di Ragusa (2019)

Giuseppe Mariotta su Sileno ~ Rivista semestrale di Studi classici e cristiani fondata da Quintino Cataudella (2020)

RadioRTM (2020)

Eco di Sicilia (2020)

La Sicilia Redazione di Ragusa (febbraio 2020)

La Sicilia Redazione di Siracusa (2020)

Ignazio La China su Dibattito (2020)

Lumie di Sicilia (2020)

La Sicilia Redazione di Ragusa (marzo 2020)

Convegni e premi recenti

  • Il 13 e 14 dicembre 2019 è stato relatore, a Scicli, nel Convegno Crisi della Democrazia e democrazie in crisi in Grecia e a Roma – Per il 550° anniversario della nascita di Niccolò Machiavelli, con i professori Giuseppe Mariotta (Università di Firenze, Liceo Classico Cataudella, Scicli), Umberto Bultrighini (Università di Chieti), Augusto Guida (Università di Udine), Elisabetta Dimauro (Università di Chieti), Giorgio Bonamente (Università di Perugia), Anna Maria Seminara (Università di Catania), Francesco Milazzo (Università di Catania), Giovanni Salanitro (Università di Catania), Mario Tropea (Università di Catania).
  • Il 22 dicembre 2019 il Caffè Letterario Federiciano e i Cavalieri Templari Federiciani gli assegnano il Premio Federico II (37ª edizione) per la sezione Uomini & Cultura.

Collegamenti esterni

Sito personale

Sito ufficiale Carocci editore su Carocci.it.

Researchgate

Academia

ORCID iD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *